Caro Silvio, hai mancato l’ultimo acquisto

Quello che è stato il Paese di grandi politi, pensatori e uomini di cultura oggi si deve piegare alla dura realtà: a fare cadere il Governo e a mettere il punto sulla storia politica di Silvio Berlusconi è stata la conduttrice televisiva della “Buona Domenica” degli anni novanta, Gabriella Carlucci.

La donna che ha condotto il Festivalbar e due edizioni del Festival di Sanremo ha deciso di passare all’Unione di Centro di Casini scatenando l’ira del Premier che in queste ore avrebbe dichiarato al quotidiano Libero: “Voglio vedere in faccia chi mi tradisce”. Caro Silvio questa è la fine di chi si circonda di persone che non hanno alcun ideale politico. Caro Silvio, non ti stimo sia chiaro, ma allo stesso tempo mi fai una grande pena.

Caro Silvio, mi ricordo il giorno in cui scoppiò il caso Ruby. In quel giorno mi colpì parecchio la solitudine nella quali ti trovasti avvolto. Tutti coloro che erano al tuo fianco fino al giorno prima cominciarono lentamente a prendere le distanze. All’epoca si capiva benissimo che stava cominciando il tragitto del declino, altrimenti nei mesi successivi non saresti stato costretto a spendere fior di quattrini per comprarti deputati causando un danno enorme al Paese.

Caro Silvio, credo che tu in questo momento stia pagando l’egoismo che in questi anni ti ha portato a pensare prima a te stesso e poi a te stesso. Io non credo che potrò raccontare di un giusto provvedimento che il tuo Governo (dal 1994 in poi intendo) abbia emanato. Credo invece che potrò parlare spesso di te quando sarò esperto e saggio per dire cosa non si deve fare per avere successo.

Caro Silvio, nella vita non tutto si può comprare e la stima, rispetto e fedeltà delle persone non si compra. Tu hai sbagliato in una cosa: ti sei sempre circondato di gente piccola, gente che non merita grosso rispetto, senza alcuna capacità e che ha vissuto all’ombra del tuo successo. Hai fatto diventare qualcuno queste persone e nel momento in cui hanno visto che la tua era stava per finire ti hanno voltato le spalle, ma a loro non è costato nulla perché da te hanno sempre avuto denaro e non hanno mai stimato la tua persona di uomo, ma quella di imprenditore.

Caro Silvio, ti ha tradito (come dici tu) Barbareschi, Versace, la Carlucci e tanti altri ancora. Persone che oggi e ieri hanno pensato al loro futuro, volevano la garanzia di sopravvivere a te. Nella prossima vita, Caro Silvio, metti in campo uno straccio di ideale perché non si vive di solo denaro.

Spero che la caduta dell’ultimo imperatore italiano possa servire a far capire alle giovani generazioni che la stima non si può comprare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.