Morti Bianche: in Piemonte sono aumentate dell’85% nel 2011

Sicurezza sul lavoro: la tragedia di Villastellone mette in evidenza nuovamente alcune distorsioni.

In Piemonte nel 2011 si è registrato un aumento delle morti sui luoghi di lavoro dell’85.7%. I numeri dicono che nel 2010 le morti bianche furono 28, mentre nei 365 giorni successivi si sono registrati 52 decessi. Questi sono dati forniti dall’Osservatorio Indipendente di Bologna perché quelli del Ministero o dell’Iail sono bloccati al terzo trimestre del 2011, probabilmente per avere quelli dell’anno completo ci vorranno ancora alcuni mesi.

Il dato appena citato non è comprensivo delle morti avvenute in strada o autostrada e neppure dei militari deceduti in guerra. Quindi non sono compresi in questo triste resoconto gli autotrasportatori, i tassisti, agenti di commercio, ecc.., ma neppure chi è morto durante il tragitto da casa al lavoro e viceversa.

Il Piemonte nel 2011 è stata la seconda peggiore regionae italiana per decessi sul luogo di lavoro, stessa sorte per la provincia di Torino. Dati disarmanti se si considera che sullo stesso territorio dal punto di vista giudiziario abbiamo assistito alla storicxa sentenza Thyssen e a quella Eternit sull’amianto. Il fatto ancor più disarmante è che lo stesso pool che ha condotto le indagini, guidato dal PM Guariniello, potrebbe essere smantellato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.