Un’espulsione paradossale e antidemocratica

In politica si può decidere di essere un partito di Lotta oppure di Governo. La differenza tra i due modi di intendere l’impegno è nella fiducia che si ripone nei propri mezzi e nelle proprie ideologie. Se un partito lotta e non pensa a governare, vuol dire che non propone e che insegue, spesso per contestare, al contrario se uno decide di proporsi come forza di Governo, mette da parte la lotta e la contestazione e propone strade alternative e il confronto tra le parti. Succede a Gianoglio ad esempio, dove il sindaco sarebbe stato scaricato dal suo partito perché avrebbe esercitato il suo ruolo di amministratore e allo stesso tempo andando contro il Movimento No Tav. Un sindaco No Tav, contrario all’opera, ma che ha dovuto notificare agli attivisti l’ordine di abbattimento di una tettoia che si troverebbe su due terreni che il movimento usa come base.

Il punto non è questo. Il punto è che di rimando il segretario provinciale di questo partito avrebbe messo alla porta il sindaco, per la serie: “Se è così non sei più dei nostri”. Si tratterebbe dell’espulsione più strampalata della storia della politica italiana, anche perché antidemocratica nella concezione più chiara e limpida. Il punto è che il segretario provinciale del partito ha pensato a non mettersi contro il movimento nella speranza di raccogliere voti alle prossime elezioni che si terranno su quel comune. Il segretario però dovrà mettere in conto che il prossimo eletto del suo partito in quel comune potrebbe essere espulso il giorno dopo la sua elezione se così vorrà il movimento.

Questo partito (il Prc) ha rinunciato completamente anche dove Governa a governare. Giaglione è uno dei tre comuni (forse quattro) che in Italia viene amministrato da Rifondazione. Una decisione inspiegabile se fosse confermata, ma che chiarisce una volta per tutte le ambizioni di un partito che sta rincorrendo proprio come fa un ciclista gregario: corre, macina chilometri in testa al gruppo, tira le volate, ma non vincerà mai perché ad un certo punto la paura prenderà il sopravvento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.