Camilleri: “Non ho fantasia, le mie storie sono fatti veri”. Speculazione o ispirazione?

camilleriLa cronaca reale può diventare fonte di ispirazione per la trama di un romanzo giallo? Secondo il più noto giallista italiano, sì! “Non ho nessuna fantasia, non so inventarmi una cosa ex novo, ho bisogno di partire da dei dati di realtà: tutte le storie di Montalbano sono fatti di cronaca vera, di cronaca nera, da me impastati in un certo modo” – parola di Andrea Camilleri, il padre di uno dei più celebri commissari della letteratura italiana.

Se seguissimo questa regola potrebbe capitare che un omicidio o una semplice intossicazione alimentare diventasse una storia pronta a finire sulla scrivania di un giovane giornalista di un piccolo paese di provincia e che nascano due incipit per due brevi racconti.

1) Il proprietario del locale è riverso a terra senza vita, pochi istanti prima un commando di malviventi lo ha freddato sparandogli per tre volte alla schiena: tutti pensano ad una rapina finita in tragedia, ma la moglie il giorno dopo confesserà tutti i suoi dubbi ad un giovane cronista che scrive per un portale del paese. 

2) “Egregio signor giornalista, le inoltro una fotografia che secondo me potrebbe essere di suo interesse e non poco. L’ho scattata personalmente con il mio cellulare. Spero solo che a quei poveri Cristo la cena vada giù al più presto” – quella storia gli puzzava sin dal primissimo lancio di agenzia. I carabinieri avevano ricevuto ordine di non lasciare trapelare neppure il più minimo indizio che potesse dare ossigeno alle bocche di quelli che reputavano solo romanzieri falliti, in fondo si trattava di una semplice intossicazione alimentare: può capitare a tutti di scambiare un fungo velenoso con uno buono. 

Speculazione sulla realtà o ispirazione letteraria? 

—————————————————————–

E’ online Suicidio Culinario – Io e il mio Pesce Palla: il nuovo e-book di Gioele Urso

testata.jpg

Da qualche tempo ci pensava spesso. Era un’insinuazione che stava invadendo il suo cervello: “Se suicidandomi non posso assicurarmi un posto in Paradiso, tanto vale guadagnarsene uno nei gironi dell’Inferno” – considerava davanti alla tv, poi però non aveva mai avuto il coraggio di farlo. 
Non ci si improvvisa mica. Non è che tra una sigaretta e l’altra fumata sul balcone, si decide di fare un salto giù senza prendere l’ascensore; e neppure si decide di farsi travolgere da un treno durante una passeggiata domenicale lungo i binari della ferrovia.Metodo. Togliersi la vita richiede metodo.

PER ACQUISTARLO CLICCA SULLA COPERTINA CON IL LOGO DEL NEGOZIO ONLINE

frontfree promozioneamazon.jpg

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...