Il silenzio degli innocenti: meglio il libro o il film?

silenzioMeglio il libro oppure il film? Il duello tra due delle più interessanti arti che l’uomo abbia mai studiato si ripropone ogni volta che di un romanzo viene realizzato anche l’adattamento cinematografico.

Da un buon romanzo può nascere uno splendido film, è il caso di Shining di Stephen King o de L’amore ai tempi del colera di Gabriel García Márquez, ma nella maggior parte dei casi il libro rimane l’opera migliore al saldo del confronto.

Non è il caso de Il silenzio degli innocenti di Thomas Harris. Attratto dal lancio della nuova serie televisiva Hannibal ho voluto leggere il testo originale dal quale nasce la storia e il suo protagonista. L’idea alla base del romanzo è geniale, la storia è interessante, ma l’opera nel suo complesso non può essere sufficiente. L’autore si perde in troppi dettagli inutili e non riesce a rendere il testo avvincente, inoltre manca coerenza nel racconto ed è troppo frettoloso nella conclusione, tra l’altro evadendo alcuni punti fondamentali per la comprensione del dipanamento finale dell’intreccio.

Molto meglio il film!

—————————————————————–

E’ online Suicidio Culinario – Io e il mio Pesce Palla: il nuovo e-book di Gioele Urso

testata.jpg

Da qualche tempo ci pensava spesso. Era un’insinuazione che stava invadendo il suo cervello: “Se suicidandomi non posso assicurarmi un posto in Paradiso, tanto vale guadagnarsene uno nei gironi dell’Inferno” – considerava davanti alla tv, poi però non aveva mai avuto il coraggio di farlo. 
Non ci si improvvisa mica. Non è che tra una sigaretta e l’altra fumata sul balcone, si decide di fare un salto giù senza prendere l’ascensore; e neppure si decide di farsi travolgere da un treno durante una passeggiata domenicale lungo i binari della ferrovia.Metodo. Togliersi la vita richiede metodo.

PER ACQUISTARLO CLICCA SULLA COPERTINA CON IL LOGO DEL NEGOZIO ONLINE

frontfree promozioneamazon.jpg

Annunci

2 pensieri su “Il silenzio degli innocenti: meglio il libro o il film?

  1. Ad essere sincero, non ho trovato il film così eccezionale. A parte l’interpretazione di Anthony Hopkins, che renderebbe prezioso anche un film di Matarazzo o dei Vanzina, la volenterosa Jodie Foster non mi sembra molto credibile nel ruolo e il Grand-Guignol della storia finisce con l’annoiare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.