RCS sostituisce i giornalisti con Youreporter

youreporterRCS, il gruppo editoriale che realizza Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport, guarda ai nuovi media, ma nel modo sbagliato. A raccontare i vari passaggi della vicenda è Il Fatto Quotidiano che in un articolo di inizio marzo annuncia l’acquisizione di Youreporter.it da parte del gruppo editoriale (investimento da 2.5 milioni di euro) e in un secondo articolo di oggi annuncia la cassa integrazione per la Redazione Digitale del Corriere, ma l’affidamento a esterni del servizio da questa fino a oggi realizzato.

Da una parte uno dei maggiori colossi dell’editoria italiana studia un piano di digitalizzazione della propria offerta acquisendo Youreporter e razionalizzando i costi dei servizi, dall’altra rende ancora più precario il mondo del giornalismo e abbatte la qualità dello stesso.

Ancora una volta editori e giornalisti non si trovano in accordo. Nelle settimane passate sempre RCS aveva fatto discutere molto: il nocciolo della questione furono i tariffari che venivano imposti ai collaboratori esterni della redazione, giudicati insostenibili per chi volesse proporre un prodotto di qualità. Ed è proprio la qualità il tema centrale della discussione: cancellare una redazione digitale interna per affidarsi a un servizio esterno, integrandolo con i video di Youreporter.it realizzati da cittadini con videofonini garantisce un servizio di qualità? Abbassare i compensi per i collaboratori esterni riducendo di conseguenza il loro contributo al giornale e la qualità del loro lavoro garantisce un servizio di qualità?

Youreporter.it negli anni è diventato uno strumento utilizzato, e abusato, anche dalle redazioni delle principali televisioni nazionali: è corretto dal punto di vista giornalistico utilizzare un prodotto realizzato da individui che non sono sottoposti alle regole della deontologia professionale? E’ ovvio che esternalizzare la realizzazione di un prodotto, anche affidandola a un’agenzia di stampa, consente l’abbattimento dei costi: ma se tutte le testate online utilizzassero gli stessi contenuti quale sarebbe il valore aggiunto offerto dal Corriere o da Repubblica?

A mente calda lancio alcune riflessioni, magari superficiali e incomplete, ma sulle quali credo valga la pena ragionare.

@gioeleurso1 – redazione@tempestadicervelli.com

————————————————————————-

#NonCIEntro – L’immigrazione non è un reato. IL LIBRO è SCARICABILE GRATUITAMENTE CLICCANDO SUL SEGUENTE LINK: http://www.monicacerutti.com/wp-content/uploads/2014/03/NonCIEntroXweb.pdf

copertinafb

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...