Sbatti i parenti del mostro in prima pagina. I diritti calpestati nell’era digitale

sbatti-il-mostro-in-prima-paginaUna commissione di studio sulla Rete, sui diritti e i doveri dei cittadini nell’età digitale” – non è la prima volta che Laura Boldrini, Presidente della Camera dei deputati, solleva pubblicamente e politicamente la questione della tutela della privacy, della neutralità della rete e della libertà di espressione sul web.

La Presidenza della Camera probabilmente pone tra gli obiettivi di questa legislatura l’approvazione di una legge in materia, magari sulla falsariga di quella entrata in vigore in Brasile da circa due mesi. Si tratterebbe di uno strumento per la difesa dell’identità virtuale dei cittadini.

Una proposta che arriva in un momento in cui la cronaca nera ha oggettivamente scosso gli utenti dei social-network evidenziando alcune falle nel sistema di tutela della privacy online. A sollevare la questione è lo stesso Presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo Iacopino, che con un post su facebook in relazione al fermo del presunto assassino di Yara Gambirasio dichiara: “Ascolto e leggo cronache sull’arresto del presunto assassino. Provo vergogna. Oggi chiederò agli Ordini regionali di aprire procedimenti disciplinari nei confronti di chiunque abbia avuto comportamenti deontologicamente scorretti. I figli minori e la moglie dell’uomo, i suoi fratelli – gli uni e gli altri sicuramente innocenti e trasformati in vittime – la sua casa esposta senza alcun rispetto, quasi a innescare un nuovo turismo dell’orrore come avvenne ad Avetrana. Vergogna”.

Una tendenza, quella di sbattere i parenti del mostro in prima pagina, che non hanno solo alcuni organi di informazione, ma che sta contagiando molti utenti del web intenti. Come fare dunque a difendere i diritti dei cittadini nell’era digitale?

@gioeleurso1

SE VUOI LEGGERE IL MIO ROMANZO SUICIDIO CULINARIO CLICCA QUI E SCARICALO GRATUITAMENTE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.