Anticipare il risveglio mi aiuta a coccolarmi un po’ di più!

Coccolarsi un po’! Per riuscire a raggiungere gli obiettivi che quotidianamente ci poniamo dobbiamo necessariamente coccolarci un po’. Perché? Perché i primi a trattarci bene dobbiamo essere proprio noi stessi, ne gioverà il nostro equilibrio e migliorerà il rapporto che abbiamo con gli altri. Io quest’anno ho deciso di mettere in atto alcune buone abitudini (di cui vi ho parlato in questo post), oggi vi racconto del mio nuovo modo di svegliarmi.

Sono un pendolare e ogni giorno per raggiungere il posto di lavoro devo percorrere 50 chilometri in treno; per essere alle 09.00 in ufficio devo partire alle 07.46. Rosicchiare qualche minuto in più al letto è sempre stato il mio obiettivo. Ho sempre calcolato i tempi in modo da conciliare il sonno con doccia, caffè e vestizione.

Fino a prima di natale la mia monotonia era scandita così: 06.50 sveglia, preparazione caffettiera, doccia, vestizione, caffettiera sul fornello, fine della vestizione, bevuta del caffè, macchina treno. Alle 07.30 ero fuori di casa. Conosco gente che riesce a uscire di casa in 8 minuti circa e solamente a pensare ai loro tempi mi viene l’ansia.

Da questa settimana ho deciso di cambiare i miei ritmi e di allungarli per vivere con maggiore lentezza. La sveglia invece di suonare alle 06.50 adesso suona alle 06.30. Gli amici con cui ne ho parlato mi hanno detto che ne avrei risentito in stanchezza durante il giorno (e per certi versi hanno ragione), ma a una settimana dall’inizio del mio esperimento ne ho giovato in relax.

I venti minuti che guadagno alzandomi prima sono di puro cazzeggio e coccole! Adesso posso stirarmi per alcuni minuti sotto le coperte, posso fare colazione con calma, posso sorseggiare il Tè, sfogliare il giornale, prepararmi con tranquillità, cazzeggiare ancora un po’ e andare in stazione senza fretta.

In sostanza ci guadagno in tranquillità e non è poco! È ovvio che sono solo alla prima settimana e che non ho fatto nulla di particolarmente speciale (magari tra sette giorni mollerò e cederò), ma credo che provare a ribaltare il paradigma potrebbe valere la pena a tutti!

E voi? Come vi svegliate la mattina?

È importante che tu condivida questo articolo e qui ti spiego il motivo!

Seguimi su Twitter: @gioeleurso1
Metti “mi piace” sulla Pagina Facebook: Tempesta di Cervelli
Iscriviti al Gruppo Facebook: Social Media News

SE VUOI LEGGERE IL MIO ROMANZO SUICIDIO CULINARIO CLICCA QUI E SCARICALO GRATUITAMENTE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...