Al mio Dylan Dog mancano alcune pagine?

Questo post si potrebbe ridurre tutto al titolo affiancato all’immagine in evidenza che ho deciso di utilizzare, ma invece no. Ho comprato il nuovo albo di Dylan Dog, il numero 362, “Dopo un lungo silenzio”, quello che vede il ritorno di Tiziano Scalvi alla sceneggiatura dopo ben 9 anni, e mi sono trovato davanti a una bella sorpresa. Vi racconto.  Continua a leggere “Al mio Dylan Dog mancano alcune pagine?”

WhatsApp copia SnapChat: si possono mettere le faccine sulle foto

La notizia è fresca fresca ed è di quelle che farà impazzire il grande pubblico: grazie al nuovo aggiornamento di WhatsApp l’utente potrà interagire e modificare le fotografie che deciderà di condividere con gli altri. Ecco le principali novità! Continua a leggere “WhatsApp copia SnapChat: si possono mettere le faccine sulle foto”

Calciatori Brutti censurati su Facebook: cosa insegna a chi fa comunicazione?

Facebook ha minacciato la chiusura definitiva della Pagina Calciatori Brutti, per il momento gli amministratori non potranno pubblicare foto e video per 7 giorni. Ad annunciarlo la Pagina stessa. Vi propongo alcune riflessioni che potrebbero essere utili per chi fa comunicazione online. Continua a leggere “Calciatori Brutti censurati su Facebook: cosa insegna a chi fa comunicazione?”

A Torino “In prima linea. Donne fotoreporter in luoghi di guerra”

«L’attività del fotoreporter è ancora oggi, nell’immaginario di tutti, svolta prevalentemente da uomini. Di fatto non è così. Ci sono numerose donne che affrontano lo stesso lavoro con grande forza e coraggio. Professioniste che seguono azioni di guerra ed emergenze in tutto il mondo e che raccontano attraverso i loro scatti le realtà difficili dei diversi continenti» – donne che Andreja Restek, giornalista e fotoreporter torinese, ha voluto raccontare con la mostra fotografica “In prima linea. Donne fotoreporter in luoghi di guerra che si potrà visitare a Torino, a Palazzo Madama, dal 7 ottobre al 13 novembre. Continua a leggere “A Torino “In prima linea. Donne fotoreporter in luoghi di guerra””