Apparentemente era un agente impeccabile, “Spazza Corrotti” la prima vittima

È la prima vittima del disegno di legge “Spazza Corrotti”, ma non è un furbetto della pubblica amministrazione pronto a sganciare qualche bigliettone verde per garantirsi alcuni favori. Si chiama Mario Rossi ed è stato il primo agente formato dalla Polizia di Stato per infiltrarsi nell’amministrazione pubblica e scovare i corruttori. Qualcosa però non è andata come doveva andare.

Mario Rossi, poliziotto di grande esperienza e pluridecorato, era stato selezionato perché già protagonista di mille e mille azioni pericolose. Sul campo aveva battuto la criminalità organizzata che gestisce il racket dei tagliandi falsi dei parcheggi blu e aveva anche scovato la banda degli ausiliari del traffico. «Un uomo sul quale lo Stato poteva contare e al quale si poteva affidare» – ha commentato il commissario Riccardo Montelupo, funzonario della Polizia di Stato che si era occupato della formazione dell’agente.

L’uomo aveva sostenuto ore, giorni, settimane e mesi di formazione con lo scopo di essere infiltrato all’interno della Pubblica Amministrazione. Il suo primo incarico sarebbe dovuto durare un paio di anni, ma tutto è andato in fumo nel giro di pochi giorni. L’uomo quando è entrato nell’ufficio di quell’ente pubblico ha subito capito che nessun addestramento fosse all’altezza della prova più dura, la realtà dei fatti.

Ore e ore passate davanti alla macchinetta del caffè, sessioni interminabili di candy crush, dibattiti infiniti sul campionato di calcio e sull’ultima puntata di Quinta Colonna. Uno stress troppo alto al quale Mario Rossi non era abituato e non ha retto. L’uomo dopo pochi giorni di servizio da agente infiltrato nell’amministrazione pubblica ha ceduto e i suoi nervi sono saltati. È stato ritrovato dentro l’armadio a sei ante della sua camera da letto, nudo e in posizione fetale. Piangeva. Invocava la madre e diceva di non voler tornare più in quel posto brutto.

I medici dicono che quello che è stato uno dei miglior agenti della Polizia di Stato dovrà cambiare vita. Per lui questa prova, probabilmente la più pericolosa, è stata anche l’ultima. E intanto negli uffici del Governo ci si interroga su come fare a portare avanti un disegno di legge così difficile e potenzialmente pericoloso senza mettere in gioco la sicurezza degli agenti più qualificati.

QUESTA È UNA FAKE NEWS, O MEGLIO, È UN POST CHE PROVA A FARE SATIRA. LA STORIA OVVIAMENTE È INVENTATA. IL COMMISSARIO RICCARDO MONTELUPO INVECE È UNO DEI PROTAGONISTI DEL MIO LIBRO “LE COLPE DEL NERO”, UN NOIR EDITO DA EDIZIONI DEL CAPRICORNO. DI SEGUITO ALCUNE INFORMAZIONI SUL MIO ROMANZO

Per saperne di più su “Le colpe del nero”: https://lecolpedelnero.com/di-cosa-parla-le-colpe-del-nero/

Per acquistarlo: https://www.ibs.it/colpe-del-nero-libro-gioele-urso/e/9788877073754

È importante che tu condivida questo articolo e qui ti spiego il motivo!

Mail: gioele.urso@gmail.com
Seguimi su Twitter: @gioeleurso1
Metti “mi piace” sullaPagina Facebook: Social Media News
Metti “mi piace” sullaPagina Facebook: CuriosiTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.