Archivi categoria: Scrivo

Ecco perché “Le colpe del nero” è un libro che piace a chi segue la politica

Parlare de “Le colpe del nero”, il noir che ho scritto e pubblicato con Edizioni del Capricorno, è sempre bello ed emozionante. Spesso le presentazioni sfociano in lunghi dibattiti con il pubblico presente in merito all’attualità politica e questo è quel che è successo anche martedì sera – il 9 novembre – in occasione della presentazione che ho fatto alla Libreria Belleville di Bruino. Continua a leggere Ecco perché “Le colpe del nero” è un libro che piace a chi segue la politica

Annunci

Ecco perché nel mio libro ho parlato di immigrazione e di CIE

Il 6 e 7 ottobre a Torino si è tenuta una manifestazione veramente particolare e bella, si chiama “Portici di Carta”. Continua a leggere Ecco perché nel mio libro ho parlato di immigrazione e di CIE

Per amore di Rosetta – di Gioele Urso

Seconda puntata del gioco del gioco de “I 3 elementi” legato alla mia pagina facebook Onda d’Urso. In cosa consiste? I follower della pagina indicano 3 elementi: 1 personaggio, 1 luogo e 1 oggetto. Di tutte le proposte una sola viene estratta e diventa un racconto breve, questa settimana del genere Romantidiota. Continua a leggere Per amore di Rosetta – di Gioele Urso

Un racconto di Fantascemenza: No pasaran

La scorsa settimana sulla mia pagina facebook Onda d’Urso ho lanciato un piccolo gioco che nasceva dall’esigenza di rimettere in funzione le mie rotelle della creatività, quelle dell’ironia e quelle del divertimento. Consisteva in questo: i follower della pagina avrebbero dovuto indicare 1 personaggio, 1 luogo e 1 oggetto. Di tutte le proposte una sola sarebbe stata estratta e sarebbe diventata un racconto breve di Fantascemenza. Continua a leggere Un racconto di Fantascemenza: No pasaran

San Valentino, un racconto breve – Dentro la testa e nella mia mano destra

Il vapore, l’acqua calda a battere sulla testa abbassata come durante una preghiera e la mascella contratta in un orgasmo rabbioso e silenzioso. Quei denti serrati stavano a indicare che dopo tutto quel tempo lei fosse ancora lì, nella sua testa e nella sua mano destra. Continua a leggere San Valentino, un racconto breve – Dentro la testa e nella mia mano destra