Archivi tag: fotografia

Ecco perché ho voluto stampare le fotografie delle vacanze

In queste settimane di riposo meritato ho meditato tanto, soprattutto grazie agli spunti delle persone che conosco e che gravitano attorno al mio mondo. Tranquilli, questo non è un post per parlare dei massimi sistemi e del senso della vita; questo è pur sempre un blog che tratta di comunicazione, social, narrativa e cose simili. Continua a leggere Ecco perché ho voluto stampare le fotografie delle vacanze

Annunci

Lei davanti alla macchina fotografica non ride; lei chiede pietà

bimba sirianaAl corso di fotografia mi hanno detto che fotografare i bambini è difficile perché non è facile catturare la loro attenzione e per farlo devi rendere il momento dello scatto al pari di un gioco. Lui però è riuscito a ottenere la sua attenzione in pochi istanti. Lei davanti all’obiettivo non ride, davanti alla macchina fotografica non gioca neppure; lei alza le mai in segno di resa e chiede pietà. Continua a leggere Lei davanti alla macchina fotografica non ride; lei chiede pietà

Amauri, la polemica con i tifosi è a colpi di fotografie

amauriViaggia tutta sui social a suon di fotografie la polemica tra i tifosi del Torino e la loro nuova punta Amauri. Lunedì, giorno di chiusura del mercato di calcio qualcuno ha messo online una fotografia dove l’italo-brasiliano appariva al quanto appesantito. Oggi la risposta del giocatore sempre con una fotografia e il commento: “Io grasso? Sciocchezze..”. Continua a leggere Amauri, la polemica con i tifosi è a colpi di fotografie

Italia Photo Marathon, scatta la passione per il territorio

ItaliaPhotoMarathonUna maratona fotografica per scoprire le bellezze del territorio e dare libro sfogo alla passione per la propria reflex. Marco Malagnino ci ha raccontato il progetto di Italia Photo Marathon. Un progetto social, tutte le informazioni a riguardo seguendo #ItaliaPM #TorinoPM #MilanoPM su Twitter. Continua a leggere Italia Photo Marathon, scatta la passione per il territorio

“Distacco”, un racconto di Dayla Venturi

madonna

“Distacco”, un racconto di Dayla venturi

La porta si chiuse con un rumore di gomma compressa, i finestrini vibrarono, mentre il 54 partiva dietro di lei con uno sbuffo canzonatorio di esalazioni senza piombo in risposta al suo mugugno. Figurati se l’autista, mingherlino con la camicia ancora in piega nonostante fosse pomeriggio inoltrato, si era degnato di aiutarla con la valigia. Non era sua competenza. Continua a leggere “Distacco”, un racconto di Dayla Venturi