Archivi tag: regole

Le 11 regole di Raymond Carver per scrivere un buon racconto

Vi voglio segnalare un libro che secondo me è molto interessante e che potrebbe essere anche utile per chi si volesse cimentare (o cementare) nell’arte della scrittura! Il testo in questione è “Il mestiere di scrivere” di Raymond Carver. Non si tratta di un manuale di scrittura, ma di una raccolta di considerazioni sulla scrittura. Continua a leggere Le 11 regole di Raymond Carver per scrivere un buon racconto

Annunci

Sei consigli per scrivere un buon post per il web

blogChecché ve ne dicano, sul web i contenuti fanno l’80% di una buona strategia di comunicazione. Si tratta di un principio che vale sempre: che il vostro compito sia quello di far crescere i contatti di un sito; di lanciare una campagna pubblicitaria su un prodotto; di far conoscere una missione o un personaggio. Gli utenti hanno talmente tante informazioni a disposizione che per convincerli a scegliere voi dovete impegnarvi e dedicare loro molto del vostro talento. Continua a leggere Sei consigli per scrivere un buon post per il web

Periscope: 3 regole da seguire per avere tanti utenti durante le dirette

periscopePeriscope funziona meglio se accompagnato da un tweet. In che senso? Adesso ve lo spiego! In questo fine settimana ho testato su due eventi il nuovo social network lanciato da Twitter e sono giunto ad alcune conclusioni che cercherò di esporre in modo semplice e schematico. Continua a leggere Periscope: 3 regole da seguire per avere tanti utenti durante le dirette

L’ISIS su Twitter chiede come uccidere l’ostaggio: perché è possibile?

twitterSignori abbiamo un problema! La notizia è di qualche giorno fa, ma vale la pena aprire comunque una riflessione in merito: l’ISIS, prima di bruciare vivo il pilota giordano, ha lanciato una consultazione online su Twitter chiedendo quale metodo avrebbero dovuto utilizzare per ucciderlo. Secondo il Corriere.it in poche ore sarebbero arrivate ben 10.000 risposte. Continua a leggere L’ISIS su Twitter chiede come uccidere l’ostaggio: perché è possibile?